Tue, 25 Jan 2022 09:03:13 +0100 Tue, 25 Jan 2022 09:03:13 +0100 news-1299 Thu, 20 Jan 2022 07:59:00 +0100 Nuovo consigliere regionale SSA https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/nuovo-consigliere-regionale-ssa-1299.html All'inizio di gennaio 2022, Michele Mozzetti ha assunto il ruolo di consigliere regionale del Servizio sanitario apistico (SSA) per la Svizzera italiana. Diamo un caloroso benvenuto a Michele Mozzetti al SSA e ci rallegriamo di una proficua collaborazione.

Apicoltore hobbista da oltre un trentennio e membro del comitato FTA con la funzioni di segretario e cassiere, si occupa di circa 15 colonie di api in arnie svizzere.

Michele può essere raggiunto al meglio via e-mail all'indirizzo michele.mozzettiapiservice.ch  , ma anche per telefono allo 079 686 49 33.

Ringraziamo Roberto Fischer, il predecessore di Michele al SSA, per il suo impegno e gli auguriamo ogni bene per il futuro e tante soddisfazioni con le api, sia come responsabile della Casa dell'ape, sia come responsabile dei corsi a Mezzana e come apicoltore.

 

]]>
news-1296 Thu, 20 Jan 2022 06:00:00 +0100 Servizi SSA finora offerti ancora gratuiti per i membri di associazioni https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/servizi-ssa-finora-offerti-ancora-gratuiti-per-i-membri-di-associazioni-1297.html L’ordinanza sul sostegno ai servizi di sanità animale (OSSAn), entrata in vigore circa un anno fa, impone nuovi obblighi al Servizio sanitario apistico (SSA). Per continuare a beneficiare del sostegno finanziario della Confederazione e dei Cantoni, le apicoltrici e gli apicoltori che non appartengono a un'associazione apistica, a partire dal 1° gennaio 2022 dovranno versare un contributo per determinate prestazioni del SSA. Per tutti coloro che fanno parte di una sezione, non cambia niente – i servizi finora offerti (offerta di base) rimangono gratuiti.

Tutte le informazioni messe a disposizione dal SSA in forma elettronica (ad esempio prontuari, filmati, modello del concetto aziendale e newsletter), la partecipazione agli eventi online in diretta, nonché la hotline (0800 274 274 e info@apiservice.ch) restano gratuite anche per i non membri. Il catalogo delle prestazioni SSA valido dal 1° gennaio 2022 con le tariffe per i non soci e le prime prestazioni supplementari a pagamento si trova a questo Link  .

Per ulteriori informazioni sull'argomento, potete consultare il numero di gennaio/febbraio 2022 de l'Ape.

 

 

]]>
news-1287 Mon, 17 Jan 2022 07:00:00 +0100 Nuovi filmati per l'arnia svizzera https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/nuovi-filmati-per-larnia-svizzera-1288.html Del filmato «Lavori apistici nel 1° semestre» secondo il concetto aziendale, è da poco disponibile una versione per l'arnia svizzera. Inoltre, il team SSA ha realizzato un filmato con telefono cellulare in aggiunta al prontuario 4.6.2. sul tema della «Riproduzione di regine nell'arnia Laurenz».

Entrambi i video si possono trovare su www.apicoltura.ch/prontuario  , sotto i prontuari.

 

 

]]>
news-1281 Thu, 06 Jan 2022 07:00:00 +0100 Workshop sul concetto aziendale per apicoltori: nuovi appuntamenti 2022 https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/workshop-sul-concetto-aziendale-per-apicoltori-nuovi-appuntamenti-2022-1282.html A causa della grande richiesta e dei riscontri molto positivi, il Servizio sanitario apistico (SSA) organizzerà quest'anno altri workshop sul concetto aziendale. I partecipanti compongono il loro concetto aziendale direttamente sul loro laptop o tablet e si avvalgono del supporto professionale e tecnico degli esperti del SSA. Il prossimo evento in italiano è previsto per il 25.03.2022 a Mezzana. Ritrovate ulteriori informazioni e la procedura d'iscrizione su www.apicoltura.ch/manifestazioni-ssa  .

 

 

]]>
news-1280 Wed, 05 Jan 2022 07:00:00 +0100 Prossimo evento online il 7.1.2022 https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/prossimo-evento-online-il-712022-1280.html Il prossimo evento online in diretta del SSA si terrà il venerdì sera, 7 gennaio 2022.

La breve presentazione di circa 30 minuti tratterà il tema del controllo dei residui e inizierà alle 19.00. Per partecipare, cliccare qui  .

Gli eventi live online sono tutti registrati. Se non vi è possibile partecipare in diretta, potrete consultarli fino a circa 1 mese dopo l'evento (basta cliccare sul link di partecipazione).

Informazioni sulle altre manifestazioni previste si trovano all’indirizzo www.apicoltura.ch/manifestazioni-ssa  .

]]>
news-1267 Wed, 08 Dec 2021 07:00:00 +0100 Inchiesta sulla salute delle api https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/inchiesta-sulla-salute-delle-api-1269.html Il Servizio sanitario apistico (SSA) conduce un’inchiesta sulla salute delle api mellifere. La vostra partecipazione ci permette di avere una panoramica della situazione attuale in Svizzera e in Liechtenstein, ma anche di adattare ancor meglio i servizi offerti dal SSA alle vostre necessità. Vi saremmo molto riconoscenti se poteste rispondere alle circa 20 domande al più tardi entro il 5 gennaio 2022. Tutte le risposte saranno integrate in forma anonima nel rapporto «Salute delle api in Svizzera 2021»

Link all’inchiesta  

 

]]>
news-1257 Thu, 25 Nov 2021 07:00:00 +0100 Trattamento invernale indispensabile https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/trattamento-invernale-indispensabile-1258.html Un trattamento invernale efficace con l’acido ossalico riduce l’infestazione di varroa e contribuisce a un buon avvio del nuovo anno apistico. Quando le vostre colonie non hanno più covata, si raccomanda di eseguire il trattamento invernale con l'acido ossalico.

Affinché l’acido ossalico sia il più efficace possibile, controllate prima del trattamento invernale che tutti i popoli siano senza covata. Il trattamento può ritenersi riuscito se cadano al massimo 500 acari sul fondo protetto da una griglia nei 14 giorni successivi al trattamento. Se invece se ne contano di più, è necessario un secondo trattamento. In tal caso, si possono considerare solo i metodi della nebulizzazione o dell’evaporazione.

Utili informazioni sul trattamento a base di acido ossalico, li potete trovare nei prontuari del SSA  .

In caso di domande o di dubbi, contattate i collaboratori del SSA (numero gratis 0800 274 274).

 

 

]]>
news-1251 Mon, 25 Oct 2021 07:00:00 +0200 Raccolta magra del miele a causa del maltempo; solo il Ticino è stato parzialmente risparmiato https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/raccolta-magra-del-miele-a-causa-del-maltempo-solo-il-ticino-e-stato-parzialmente-risparmiato-1253.html Dopo il raccolto record di miele nel 2020, il maltempo del 2021 ha provocato un raccolto molto scarso di miele primaverile in tutta la Svizzera, in alcune regioni i maturatori – i contenitori preposti alla decantazione del miele - sono rimasti completamente vuoti e le api hanno dovuto essere nutrite. Anche il raccolto estivo, soprattutto al nord delle Alpi ha risentito molto del tempo, con molta pioggia, grandinate e alluvioni.


Comunicato stampa integrale (25.10.2021)   

 

 

]]>
news-1066 Mon, 18 Oct 2021 07:00:00 +0200 Pericoloso tasso d’infestazione da varroa https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/pericoloso-tasso-dinfestazione-da-varroa-1068.html ll concetto Varroa di SSA/CRA www.apicoltura.ch/varroa   prevede il controllo della caduta naturale degli acari morti tra metà ottobre e metà novembre. Nel caso che la caduta naturale corrisponde a più di 5 acari al giorno il loro numero così importante danneggerà parecchio la colonia, se gli stessi non saranno decimati rapidamente.

Un trattamento complementare immediato con acido ossalico è la soluzione.

In tutti i casi, il vero trattamento invernale con acido ossalico deve essere mantenuto ed eseguito in assenza di covata, per tutte le colonie dell'apiario.

 

]]>
news-1248 Fri, 01 Oct 2021 07:00:00 +0200 Preparazione all’invernamento https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/preparazione-allinvernamento-1249.html L'inverno è una stagione impegnativa per le colonie di api. Gli apicoltori possono fare dei preparativi adeguati creando delle condizioni ideali per l’invernamento delle api.

In ottobre bisogna prestare particolare attenzione che la forza delle colonie sia adeguata e che ci sia la presenza di una regina attiva, agendo di conseguenza in caso contrario. Una colonia produttiva forte occupa ora 9 telaini, mentre una colonia giovane forte ne occupa 7. Affinché una colonia possa sopravvivere all’inverno e riesca ad effettuare con successo il rinnovo della sua popolazione in primavera, almeno cinque telaini devono essere ben ricoperti di api. Adesso è il momento ideale per riunire le piccole colonie sane. Eventuali colonie deboli dovrebbero essere eliminate.

Oltre alla valutazione e alla selezione, si presentano ora altri compiti importanti: il controllo delle scorte*, la sostituzione delle vecchie regine, il restringimento dei popoli e l'installazione delle griglie anti topi.

* Se una colonia non ha ancora a disposizione da 5 a 7 telaini di nutrimento ben riempiti da entrambi i lati, la carenza deve essere integrata con del nutrimento liquido.

I prontuari e filmati sulla valutazione e sulla selezione delle colonie sono disponibili all’indirizzo www.apicoltura.ch/prontuario  :

4.3. Svernamento di una colonia
4.7.  Valutazione e selezione di colonie
4.7.1. Riunire le colonie
4.7.2. Eliminare le colonie

Filmati «Valutazione e selezione di colonie» autunno

Il team del SSA vi offre inoltre volentieri consigli personalmente al numero 0800 274 274 o via e-mail all’indirizzo infoapiservice.ch  .

]]>
news-1040 Fri, 10 Sep 2021 07:00:00 +0200 2° trattamento con acido formico https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/2-trattamento-con-acido-formico-1041.html Iniziate il secondo trattamento con l’acido formico al più tardi a metà settembre. Se avete fatto un blocco di covata invece del primo trattamento o applicato il metodo del telaino trappola, ciò non sostituisce il secondo trattamento con l’acido formico. Solo il 2° trattamento ci assicura di tenere sotto controllo la popolazione di acari della varroa fino al trattamento invernale. Il secondo trattamento estivo è necessario anche per le giovani colonie.

Inserite il diffusore alla mattina presto nell'arnia, quando è ancora fresco. Terminate pure la nutrizione delle famiglie prima dell’invernamento dopo la fine del secondo trattamento con acido formico.

Altre utili informazioni sono presenti al link www.apicoltura.ch/prontuario  
nei seguenti prontuari SSA: 
1.2.1. – 1.2.5. Trattamento estivo contro la varroa
4.2. Nutrimento

Il servizio Sanitario apistico vi consiglia volentieri al numero telefonico gratuito 0800 274 274 (dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 16.30) o via E-Mail al infoapiservice.ch  .

 

]]>
news-1228 Fri, 03 Sep 2021 07:00:00 +0200 Nuovi workshop sul concetto aziendale https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/nuovi-workshop-sul-concetto-aziendale-1229.html Dall’inizio di quest’anno è disponibile il nuovo modello del concetto aziendale  . Il Servizio sanitario apistico (SSA) propone per la prima volta un workshop volto ad aiutare gli apicoltori interessati a creare il loro proprio concetto aziendale.


Primo evento pianificato in Ticino:

Mezzana                   26 novembre 2021, 19:30


I posti saranno attribuiti in ordine di iscrizione – la partecipazione è gratuita. Se la richiesta supererà i posti disponibili, saranno organizzati altri workshop. Le date degli altri eventi saranno pubblicate online  .

 

--> Iscrizione con dati personali (nome e cognome, indirizzo e-mail e numero di telefono) scrivendo a Robert Lerch  

]]>
news-1231 Fri, 03 Sep 2021 07:00:00 +0200 Gestire la tarma della cera (evento online in diretta il 23.9.) https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/gestire-la-tarma-della-cera-evento-online-in-diretta-il-239-1232.html Le larve della tarma della cera si nutrono in prevalenza di polline e di residui delle larve di api lasciati nei favi di covata (resti di escrementi o di bozzoli), distruggendo così i favi.

Delle misure preventive consentono di gestire la tarma della cera anche senza acido acetico:

All’interno della colonia

Nel magazzino o nell’armadio per i telaini

Conservare nell’apiario solo le colonie forti.

Verificare regolarmente la presenza di escrementi di tarma della cera.

Non lasciare nell’arnia dei telaini non occupati.

Conservare separatamente i telaini di nutrimento e i telaini da miele.

Pulire ogni settimana i fondi dell’arnia e gli spazi vuoti sotto la griglia varroa.

Non stoccare i telaini di covata e i telaini di polline ma fonderli.

Rinnovare i telaini almeno ogni 3 anni. 

Stoccaggio dei telaini: in un luogo fresco (idealmente al di sotto di +12°C), aerato (si può formare una corrente d’aria impilando i melari), alla luce

 

Fondere continuamente i vecchi favi.

 

I telaini infestati leggermente dalle tarme della cera devono essere congelati per due giorni a -18°C e conservati poi in contenitori a chiusura ermetica. Fondere immediatamente o eliminare i telaini che presentano delle gallerie setose.

Dato che non si può escludere la presenza di residui o un’alterazione del gusto nei prodotti dell’arnia a seguito di un trattamento all’acido acetico, il SSA raccomanda di non utilizzarlo. A parte l’acido acetico, non è attualmente autorizzato alcun altro preparato per la lotta contro la tarma della cera.

 

Evento online in diretta «Gestire la tarma della cera»

www.apicoltura.ch/manifestazioni-ssa  

Giovedì 23 settembre 2021, ore 19:00

 

 

]]>
news-1211 Fri, 27 Aug 2021 07:00:00 +0200 Sondaggio rendimento di miele: Aiutateci adesso? https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/sondaggio-rendimento-di-miele-aiutateci-adesso-1212.html 2 x 10 minuti per rispondere ai sondaggi della apisuisse. Aiutateci e partecipate al nostro sorteggio.

Ogni anno apisuisse conduce due sondaggi tramite internet – uno, in primavera, sulla perdita di colonie d’api e in autunno uno sul rendimento di miele. Vorremmo riuscire a motivare al minimo il 10% degli apicoltori di ogni sezione a partecipare.

Il sondaggio rendimento di miele è stato lanciato il 27.08.2021 a tutte le persone registrate.
La registrazione per l'invio successivo e ancora possibile fino al 14 di settembre: Link registrazione  

 

Aiutateci anche voi?

Non importa se possedete due o cento colonie d’api. L’importante è che siate disposti a partecipare a lungo termine, perché solo in tal modo riusciremo a guadagnare un’immagine autentica.

Tra tutti i partecipanti verranno sorteggiati cinque vincitori che riceveranno in premio 800 coperchi per vasetti di miele per un valore di CHF 216.–.

apisuisse, Tel. 071 780 10 50, sekretariat@bienenschweiz.ch   

 

 

]]>
news-1221 Tue, 10 Aug 2021 16:37:29 +0200 Imkerinnen und Imker mit dem eidgenössischen Fachausweis diplomiert https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/imkerinnen-und-imker-haben-das-diplom-erhalten-1221.html Am vergangenen Samstag, dem 21. August haben 38 Imkerinnen und Imker ihr Diplom zum Abschluss der eigenössischen Fachausbildung erhalten. Die Diplomfeier markierte das Ende eines vierjährigen Lehrgangs mit insgesamt 27 Ausbildungstagen sowie zusätzlichen Aufgaben im Selbstudium wie dem Verfassen diverser Arbeiten. BienenSchweiz gratulierten allen Absolventen herzlichst.

Details: Vollständige Medienmitteilung

]]>
news-1208 Fri, 06 Aug 2021 07:00:00 +0200 Calabrone asiatico: Aprire gli occhi e segnalare i sospetti https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/calabrone-asiatico-aprire-gli-occhi-e-segnalare-i-sospetti-1209.html Il calabrone asiatico si è stabilito nelle prime regioni svizzere. L'anno scorso sono stati distrutti 2 nidi a Ginevra e uno nel Giura, quest'anno un primo nella zona di Ginevra. La misura di controllo più efficace contro il calabrone asiatico è la rimozione rapida dei nidi. Per contenere o rallentare la diffusione, è essenziale segnalare gli insetti sospetti.

Gli apicoltori sono invitati a fare attenzione al calabrone di colore scuro con le estremità delle gambe gialle. Una volta che il parassita si è stabilito in una zona, è più probabile che compaia negli apiari tra agosto e ottobre. Vale la pena di osservare regolarmente i vostri alveari verso mezzogiorno nei giorni di sole per almeno 20 minuti e di inviare immediatamente qualsiasi insetto sospetto al SSA per l'identificazione (il modo più semplice e veloce è quello di inviare una foto o un video via e-mail a infoapiservice.ch  ). Una volta che avete fotografato/catturato un esemplare e notificato al SSA, non fate nulla fino a quando non riceverete ulteriori istruzioni.

Come apicoltori, vi preghiamo di prestare maggiore attenzione ad una valutazione e selezione mirata delle colonie (prontuario 4.7  .) e di tenere nell'apiario solo colonie sane e forti. È altresì importante che ogni colonia abbia cibo a sufficienza in ogni momento.

Non è raccomandabile installare trappole - l'efficacia è insufficiente. Inoltre, le trappole non sono selettive e quindi preziose specie di insetti indigeni vengono catturate e uccise. Se il calabrone asiatico si diffonde in una regione, la protezione dell'apertura di volo con una griglia (prontuario 2.7.1.  ) riduce la pressione eccessiva su un apiario.

Le informazioni più importanti sul calabrone asiatico possono essere consultate nel prontuario 2.7.   Il team SSA sarà anche felice di fornire ulteriori informazioni al numero 0800 274 274.

]]>
news-1202 Fri, 23 Jul 2021 07:00:00 +0200 Valutazione delle colonie dopo la raccolta del miele https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/valutazione-delle-colonie-dopo-la-raccolta-del-miele-1203.html Per valutare e selezionare le colonie di api è indispensabile un controllo regolare. Ciò fornisce indicazioni essenziali sullo stato di salute di una colonia e consente di agire tempestivamente.

La valutazione o la selezione di colonie non riguarda solo gli allevatori; è altrettanto importante per tutti gli apicoltori/apicoltrici dal punto di vista della salute delle api. Come misura preventiva, si tratta essenzialmente di conservare solo le colonie sane e forti di un apiario. Questa selezione riguarda sia le colonie produttive che le giovani colonie.

In estate, il periodo tra la raccolta del miele e il primo trattamento estivo all’acido formico è ideale per la valutazione e la selezione delle colonie. Anche se non ci fosse miele da raccogliere, questo è il momento buono.

Le colonie possono essere valutate osservando l’apertura di volo e controllando la forza della colonia (almeno 10 telaini occupati nelle colonie produttive), la salute della covata (aspetto sano e presenza di tutti gli stadi di sviluppo) e le riserve di nutrimento. Se necessario i popoli possono essere riunite o eliminate.

Le colonie che dispongono di nutrimento non opercolato sufficiente devono essere trattate con l’acido formico prima di essere nutrite per completare le riserve per l’inverno. Le colonie senza nutrimento non opercolato devono prima essere nutrite in misura lieve (sciroppo 3:2) e poi trattate contro la varroa.

Filmati «Valutazione e selezione di colonie» per l’estate:
Dadant                      Arnia svizzera  
 

Prontuari rilevanti (www.apicoltura.ch/prontuario  ):
4.7. Valutazione e selezione di colonie
4.7.1. Riunire le colonie
4.7.2. Eliminare le colonie
4.7.3. Riconoscere le colonie sane
4.7.4. Gestione di colonie orfane

]]>
news-1193 Fri, 25 Jun 2021 07:00:00 +0200 Rilevamento caduta naturale e trattamento estivo https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/rilevamento-caduta-naturale-e-trattamento-estivo-1194.html Alla fine di giugno/inizio luglio è il momento di determinare il carico di varroa in tutti gli alveari. In caso di una caduta naturale di più di 10 acari al giorno, è necessario agire rapidamente per non mettere inutilmente in pericolo le api. Nelle colonie colpite, il trattamento estivo (con o senza acido formico) o il trattamento d'urgenza deve essere effettuato immediatamente.

Nel caso di una caduta naturale fino a un massimo di 10 acari al giorno, il primo trattamento estivo può essere effettuato al solito periodo. I metodi senza acido formico dovrebbero essere iniziati nella prima metà di luglio; per quelli con acido formico, i diffusori dovrebbero essere messi nelle colonie prima della fine di luglio. Nel caso di una caduta moderata di acari di un massimo di 7 acari al giorno, si può anche procedere con l'asportazione totale con valorizzazione della covata (secondo il prontuario 1.6.4.).

 

Medicamento veterinario

Prontuario/
metodo

Avvio del processo entro al più tardi

Data limite per la raccolta del miele

Momento del trattamento con l’acido

Durata del trattamento / del processo

Acido formico

1.2.1. – 1.2.5.
Liebig, Nassenheider Pro, FAM, Apidea, MAQS

fine luglio

precocemente

fine luglio

circa 1-2 settimane (secondo istruzioni d’uso)

Acido ossalico

 

1.6.1. Blocco della covata

inizio/metà luglio

fine luglio

fine luglio / inizio agosto

3 settimane 

1.6.4. Asportazione totale con valorizzazione della covata

inizio/metà luglio

inizio/metà luglio

inizio/metà luglio

1 giorno

Nessuno

1.6.2. Metodo del telaino trappola

inizio/metà luglio

fine luglio o più tardi

-

4 settimane

 

Prontuari (www.apicoltura.ch/prontuario  ):
1.5.1. Controllo della caduta naturale della varroa
1.7.1. Trattamento d’urgenza della varroa - in arnie magazzino
1.7.2. Trattamento d’urgenza della varroa - in arnie svizzere
1.2.1. Diffusore Liebig
1.2.2. Diffusore professionale Nassenheider
1.2.3. Diffusore FAM
1.2.4. Diffusore Apidea
1.2.5. Strisce impregnate di acido formico MAQS
1.6.1. Blocco della covata
1.6.2. Metodo del telaino trappola
1.6.4. Asportazione totale con valorizzazione della covata

In caso di dubbi o domande, non esitate a contattare il SSA (tel. 0800 274 274 o infoapiservice.ch  ).

Evento online in diretta «Agire in caso di eccessiva infestazione di varroa», mercoledì 7 luglio 2021
In tedesco: alle 19:00 Link di partecipazione  
In francese: alle 20:00 Link di partecipazione  

]]>
news-1187 Fri, 18 Jun 2021 07:00:00 +0200 Sfide dell'apicoltura https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/sfide-dellapicoltura-1188.html Dal punto di vista della meteo e delle scorte, il 2021 si rivela tutt'altro che facile. Il quadro varia da apiario ad apiario. In ogni caso, vale la pena controllare ora le scorte di cibo nei favi da nido e la forza della colonia. A seconda del quadro che emerge, la necessità di agire è diversa.

Situazione

Cosa fare?

Poche scorte di nutrimento aperto

nei favi da nido

Nutrire con miele di propria produzione oppure candito

Nessuna scorta di nutrimento aperto

nei favi da nido

Nutrire con miele di propria produzione – in alternativa con sciroppo

Piccole colonie

Sciogliere

Colonie malate

Eliminare

Colonie forti

Formare giovani colonie

 

 

]]>
news-1184 Tue, 01 Jun 2021 06:30:00 +0200 Lieve aumento delle perdite invernali di colonie di api in Svizzera rispetto agli anni precedenti https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/lieve-aumento-delle-perdite-invernali-di-colonie-di-api-in-svizzera-rispetto-agli-anni-precedenti-11.html Il 14,2% delle colonie di api in Svizzera non è sopravvissuto all'inverno 2020/2021 - si tratta di un aumento delle perdite invernali di circa un punto percentuale rispetto all'anno precedente. Ci sono grandi differenze da cantone a cantone.

Comunicato stampa integrale  

 

 

]]>
news-1181 Wed, 26 May 2021 06:00:00 +0200 Controllare l’infestazione di varroa https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/controllare-linfestazione-di-varroa-1182.html A fine maggio è molto importante procedere senza indugio ad un controllo dell’infestazione di varroa in tutte le vostre colonie. Una colonia colpita da un’infestazione molto elevata può essere salvata con un trattamento d’urgenza.

Il Servizio sanitario apistico (SSA) raccomanda di verificare l’infestazione esaminando la caduta naturale delle varroe, un metodo che fornisce risultati significativi. Se contate più di 3 acari caduti al giorno, togliete l’eventuale melario e cominciate immediatamente un trattamento d’urgenza. Non attendete oltre, poiché può già essere troppo tardi per le vostre api.

Nel quadro del trattamento d’urgenza, le colonie interessate sono collocate in un’arnia con fogli cerei e nebulizzate in seguito con acido ossalico (cfr. la procedura indicata nel relativo prontuario del SSA).

Cfr. i prontuari rilevanti all’indirizzo www.apicoltura.ch/varroa   :

1.5.1. Conteggio della caduta naturale della varroa  

1.7.1. Trattamento d’urgenza della varroa - in arnie magazzino  

1.7.2. Trattamento d’urgenza della varroa - in arnie svizzere  

PS: il controllo delle scorte e la formazione di giovani colonie restano temi d'attualità

]]>
news-1174 Mon, 17 May 2021 07:00:00 +0200 Rinvio della Giornata svizzera delle api https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/rinvio-della-giornata-svizzera-delle-api-1175.html Il grande evento previsto il 19 giugno 2021, a causa del Coronavirus, deve di nuovo essere rinviato.

La prima Giornata svizzera delle api   avrà luogo quindi il 2 luglio 2022 a Lyss.

]]>
news-1165 Fri, 07 May 2021 07:00:00 +0200 Verificare le scorte di nutrimento https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/verificare-le-scorte-di-nutrimento-1166.html A causa del periodo prolungato di cattivo tempo al nord, di instabilità meteorologica e delle temperature rigide notturne anche al sud e della mancanza al momento di offerta di nettare e polline in numerosi luoghi, molte colonie non hanno abbastanza nutrimento. Verificate subito la situazione in tutte le vostre colonie. Se riscontrate una carenza di nutrimento, nutrite le api immediatamente. Per evitare potenziali alterazioni del miele, è preferibile utilizzare i telaini da nutrimento messi da parte come riserva o il miele della propria produzione. In tal modo resterà possibile effettuare la raccolta del miele più avanti.

Se utilizzate del candito (se ci sono ancora scorte non opercolate nella colonia) o nei casi estremi persino dello sciroppo (se non ci sono più scorte non opercolate nella colonia), i melari devono essere prima rimossi. Il nutrimento così fornito salva una colonia dalla carestia. Abbiate l'accortezza di nutrire la colonia solamente con la quantità di cui ha bisogno. Il melario può essere rimesso non prima di 2 settimane dopo l'ultima nutrizione.

Inizio del periodo di sciamatura

I primi sciami hanno già preso il volo. Se non vengono catturati, sono destinati a morire a causa dell’assenza di trattamento contro la varroa e della mancanza di nutrimento. La cattura degli sciami, sia che provengano dal proprio apiario sia che la loro origine sia sconosciuta, fa parte delle buone pratiche apistiche. La febbre sciamatoria delle colonie può essere contrastata grazie alla formazione di giovani colonie. 

Istruzioni per la cattura degli sciami:  prontuario 1.4.6.   Sciami naturali  

Altri prontuari sulla formazione di giovani colonie: www.apicoltura.ch/prontuario  

 

 

]]>
news-1162 Tue, 04 May 2021 07:00:00 +0200 Formare giovani colonie e riprodurre le regine https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/formare-giovani-colonie-e-riprodurre-le-regine-1163.html Per una valutazione e selezione adeguata delle colonie, il SSA raccomanda di formare una proporzione di giovani colonie pari al 50% del numero delle colonie produttive. Il periodo di fioritura del melo, della colza e dell’acero sicomoro è ideale a tal fine. La creazione di giovani colonie con covata e nuclei con covata raggruppata funziona molto bene a partire dalla piena fioritura del dente di leone. Il periodo di fioritura del dente di leone, del melo, della colza e dell’acero sicomoro è altresì ideale per la riproduzione delle regine.

I diversi metodi di formazione delle giovani colonie sono descritti in dettaglio nei prontuari 1.4.2. - 1.4.7., mentre la riproduzione delle regine nell’arnia Mini Plus e nell’arnia Laurenz è illustrata nei prontuari 4.6.1. e 4.6.2. (www.apicoltura.ch/prontuario  ).

Le attività apistiche più importanti sono presentate chiaramente nel modello del concetto aziendale (compresi i link ai prontuari e video): 

- per il periodo di fioritura del dente di leone  

- per il periodo di fioritura del melo, della colza e dell’acero sicomoro  

 

]]>
news-1155 Thu, 15 Apr 2021 11:00:00 +0200 Introdurre il telaino da fuco e allargare https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/introdurre-il-telaino-da-fuco-e-allargare-1156.html Per evitare un’eccessiva diffusione dell’infestazione della varroa nelle colonie fino al trattamento estivo, è necessario un intervento precoce. Lo sviluppo di questi acari può essere inibito tramite la rimozione del favo da fuco e la formazione mirata di giovani colonie.

Il SSA raccomanda di introdurre il primo telaino da fuco accanto al nido di covata quando il ciliegio selvatico fiorisce. L’infestazione della varroa nella colonia si riduce fino al 50% rimuovendo più volte la covata da fuco. Ciò non influenza negativamente né lo sviluppo della colonia né la produzione di miele.

Alla prima rimozione del favo da fuco, comprendente per la maggior parte celle opercolate, di solito si trovano solo poche varroe nella covata da fuco. Pertanto, si raccomanda di procedere a due o tre rimozioni.

Link al prontuario 1.4.1. Rimozione del favo da fuco  

Link al filmato «Rimozione del favo da fuco»  , realizzato con telefono cellulare

A seconda dell’ubicazione, le temperature a volte già molto elevate per la stagione hanno favorito una crescita molto rapida delle colonie. È pertanto indispensabile controllare il loro sviluppo. Le api hanno bisogno di spazio sufficiente se si vuole evitare la sciamatura. A partire dalla fioritura del ciliegio selvatico (cfr. www.apicoltura.ch/concettoaziendale  ) le colonie dovranno essere allargate costantemente con dei fogli cerei.

]]>
news-1143 Tue, 06 Apr 2021 07:00:00 +0200 Riconoscere un sospetto di intossicazione e agire correttamente https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/riconoscere-un-sospetto-di-intossicazione-e-agire-correttamente-1144.html Le intossicazioni acute di api si verificano per la maggior parte in aprile e in maggio, quando i frutteti e la colza sono in piena fioritura. Spesso sono colpite tutte le colonie di uno stesso alveare. I segni di intossicazione possono tra l’altro comprendere:

 

  • le api tremanti, confuse, incapaci di volare, cadono dal predellino di volo e/o dai telaini;
  • le api girano in tondo (come se fossero paralizzate da un lato);
  • le api morte sono ammassate sui predellini di volo e davanti alle arnie.

 

Cosa fare?

Segnalate immediatamente il sospetto al SSA (0800 274 274, infoapiservice.ch  ) e contattate l’ispettore degli apiari appena possibile. L’ispettore dovrà escludere eventuali malattie e prelevare un campione di api.

 

Importante

Il campione di api deve essere imballato e spedito in un sacchetto di carta pulito. Assicuratevi di includere nella confezione dei blocchi refrigeranti, che evitano la decomposizione rapida delle api e rallentano la degradazione di eventuali principi attivi. Se il caso dovesse verificarsi tra il venerdì e la domenica o nei giorni festivi, assicuratevi di conservare il campione di api in frigorifero. Potrà poi essere inviato il primo giorno feriale della settimana (attenzione ai giorni festivi!) tramite corriere PostPac-Priority (indirizzato con l’etichetta contenuta nel Formulario di protocollo Intossicazione delle api 3.1.1.).

 

Cfr. i prontuari 3.1.1. Formulario di protocollo intossicazione delle api e 3.1.2. Intossicazione delle api  

 

Evento online in diretta «Intossicazione»

In tedesco: giovedì 8 aprile 2021, ore 19:00 (www.bienen.ch/bgd-anlaesse  )

In francese: giovedì 8 aprile 2021, ore 20:00 (www.abeilles.ch/manifestations-ssa  )

 

 

]]>
news-1134 Wed, 31 Mar 2021 06:30:00 +0200 L'intossicazione di api può essere evitata - comunicato stampa https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/lintossicazione-di-api-puo-essere-evitata-comunicato-stampa-1135.html L'applicazione errata di insetticidi è stata, tra l'altro, alla base delle cinque intossicazioni rilevate dal Servizio sanitario apistico nel 2020. Una corretta manipolazione delle sostanze attive omologate, tossiche per le api, avrebbe potuto evitare questi casi. Prendere in considerazione i requisiti di sicurezza quando si applicano i prodotti fitosanitari è importante quanto l'applicazione corretta dei biocidi. Dodici casi sospetti rimangono irrisolti.

Comunicato stampa integrale  

 

 

]]>
news-1140 Wed, 31 Mar 2021 04:30:00 +0200 Feedback sul modello del concetto aziendale https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/feedback-sul-modello-del-concetto-aziendale-1141.html Avete già fatto le prime esperienze con il nuovo modello online  ? Allora attendiamo con piacere il vostro parere  

 

 

 

 

]]>
news-1131 Wed, 24 Mar 2021 07:30:00 +0100 L’acido formico non è più autorizzato contro la tarma della cera https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/lacido-formico-non-e-piu-autorizzato-contro-la-tarma-della-cera-1133.html A seguito di un aggiornamento dell’Ordinanza sui biocidi, l’utilizzo dell’acido formico per la lotta contro la tarma della cera è proibito. Il SSA raccomanda di tenere sotto controllo questo parassita senza ricorrere agli acidi. L’acido acetico, che è ancora omologato, deve essere utilizzato solo in casi eccezionali ed esclusivamente nell’armadio per lo stoccaggio dei telaini (non trattare mai i telaini da melario).

Evitare la tarma della cera

Conservazione dei telaini:

  • Non riporre i telaini di riserva in magazzino senza protezione
  • Conservare separatamente i telaini da melario e di nutrimento
  • Stoccare i telaini al fresco
  • Assicurare una buona circolazione d’aria nel deposito dei telaini (o impilare gli elementi delle arnie magazzino)
  • Fondere immediatamente i vecchi telaini
 

Nella colonia:

  • Non combattere
  • Non tenere colonie deboli
  • Rinnovare regolarmente i telaini
  • Non lasciare telaini non occupati (adattare il numero dei telaini alle dimensioni della colonia)
  • Pulire regolarmente il fondo dell’arnia e gli spazi vuoti sotto la griglia
 
Prontuario 2.6. Tarma della cera   all’indirizzo www.apicoltura.ch/prontuario  

 

Un articolo nella rivista L’Ape di luglio/agosto 2021 presenterà la gestione della tarma della cera senza acidi.

Il manuale di controllo «Api» per il controllo nella produzione primaria e l’elenco delle raccomandazioni per i preparati apistici del SSA e del CRA sono già stati aggiornati di conseguenza.

]]>
news-1128 Tue, 23 Mar 2021 10:00:00 +0100 Controllo della covata e selezione https://www.apicoltura.ch/attualita/detail/News/detail/controllo-della-covata-e-selezione-1129.html Il controllo della covata è una delle misure più importanti per identificare precocemente le malattie.  Quando i muscari o le primule maggiori fioriscono e le temperature lo permettono (almeno 15 gradi), aprire tutte arnie e valutare le colonie.

Cosa c’è da fare?
I piccoli popoli forti e vitali con covata sana sono da unire a popoli forti. Popoli orfani con covata poco compatta aggressivi e che si sviluppano in malo modo sono da eliminare immediatamente. Così si elimina il rischio di trasmissioni di malattie. In casi sospetti di peste europea o americana, si deve assolutamente coinvolgere l’ispettore degli apiari.

 

Differenze tra popolo sano e malata:

Caratteristiche di una covata sana Sintomi probabili di una malattia

•    nido della covata completo
•    le larve nuotano nella pappa nutriente
•    le larve riflettono dei colori madreperlacei
•    anelli dei segmenti ben visibili sulle larve
      coricate di lato

 

•    nido della covata incompleto
•    larve a secco
•    colore delle larve da torbido a grigio/brunastro
•    disgregazione della struttura delle larve
•    larve coricate sulla schiena
•    larve decomposte
•    massa nera nella parte inferiore delle celle

 

Differenze tra popolo con futuro e colonia debole:

Piccola colonia con un futuro Colonia debole

•    nido della covata completo
•    molto nutrimento non opercolato
•    api sane e vivaci
•    sviluppo visibile della colonia

 

•    nido della covata incompleto
•    assenza di nutrimento non opercolato
•    mancanza di nutrimento
•    nessuno sviluppo visibile della colonia
•    comportamento aggressivo

 

Link ai filmati «Valutazione e selezione di colonie»: Dadant   / Arnia svizzera  

Link als prontuario 4.7. Valutazione e selezione di colonie   

 

 

 

]]>