Biodiversità

Il significato delle api

L’importanza del servizio d’impollinazione delle circa 1000 varietà di api presenti in Europa centrale è rimasta immutata fino ad oggi.

La maggioranza delle piante da fiore dipende dall'impollinazione da parte di insetti e circa l`80% del lavoro d'impollinazione lo fanno le api. Le api mellifere sono più efficaci di altri insetti, per via della loro costanza di andare da fiore in fiore. Dall'altro canto certi tipi di piante dipendono da api selvatiche specifiche per loro e viceversa. Inoltre, un'ape selvatica impollina al giorno più fiori che un'ape mellifera. Per far funzionare bene il lavoro d'impollinazione ci vogliono diversi protagonisti. Per il fatto che le api impollinano i fiori selvatici, assicurano il mantenimento di tanti biotopi naturali e con essi la molteplicità di animaletti che ci vivono. Inoltre, ci sono tanti altri fenomeni importanti e utili. Per esempio, la qualità dei semi aumenta quando i rispettivi fiori vengono impollinati dalle api.

Per dirla brevemente: non solo noi umani siamo dipendenti dall'impollinazione di tutte le api, ma anche tante varietà di piante che ci circondano tutti i giorni.

 

 

Diversi problemi per le api

Il numero di api selvatiche è in costante diminuzione. Un fattore importante è la difficoltà sempre maggiore di trovare siti per nidificare. D'altra parte, il numero di colonie di api mellifere diminuisce se gli apicoltori sono sempre meno numerosi. Negli ultimi anni queste due cifre si sono tuttavia stabilizzate. Fondamentalmente non abbiamo un numero insufficiente di api, ma una carenza di nutrimento. Sembra contraddittorio, ma cerchiamo di spiegarlo:

  • In primavera l'offerta di cibo è più che sufficiente per tutti gli impollinatori - nei boschi, nei campi e nei giardini ci sono fioriture abbondanti. D'estate, invece, si parla di «deserto verde»: molti fiori selvatici vengono tagliati e i campi sono sfioriti, o lasciano il posto ad altre colture che non sono interessanti per gli impollinatori. Solo se l'offerta floreale è sufficientemente ampia, le api selvatiche e le api mellifere hanno a disposizione risorse sufficienti per uno sviluppo ottimale: tutte le specie di api hanno bisogno di fonti di carboidrati (nettare) per l'energia e di proteine (polline) per le loro larve. Nell'agricoltura intensiva, ma anche nei cosiddetti giardini moderni, le piante selvatiche hanno sempre più difficoltà a trovare spazio. Di conseguenza, le api mellifere e le api selvatiche sono indebolite o stressate per mancanza di cibo e non possono più riprodursi.
  • Le api selvatiche spesso non trovano più siti di nidificazione in giardini «riordinati», gli habitat delle api selvatiche sono minacciati: il legno morto viene eliminato e le zone ruderali soleggiate sono oggi carenti. Lo sapevate che più della metà delle specie di api selvatiche si riproducono nel suolo? La percentuale di api selvatiche in pericolo di estinzione qui è molto più alta che tra le specie che beneficiano di un hotel per api selvatiche!
  • Nell'agricoltura e nei giardini per hobby, si coltiva e si cura. E questo spesso significa che le erbacce non possono crescere. Oppure la frutta deve essere perfetta. Quando si spruzzano pesticidi, il benessere delle api viene dimenticato e il legame con gli insetti utili viene ignorato.

Come posso dare un contributo?

Chi possiede un giardino, ha molte possibilità per renderlo adatto alle api: un prato fiorito al posto di un prato verde e monotono, arbusti autoctoni, aiuole con miscele di fiori autoctoni, che forniscono alle api polline e nettare tutto l'anno. Non solo le api, ma anche farfalle, coleotteri e molti altri insetti ne sono felici. Anche per l'occhio umano una superficie fiorita è un beneficio.

Preferisce avere un prato verde? Neanche questo è un problema! Riservi una striscia per i fiori di prato! Tuttavia, idealmente, tali strisce di fiori vanno tagliate solo 1-2 volte all'anno.

Se non ha un giardino, può far fiorire i balconi o i davanzali delle finestre. Oppure può influenzare la piantagione di aree pubbliche come scuole, corsi d'acqua o bordi delle strade. Spesso non c'è bisogno di molto affinché anche su queste superfici si trovino fiori o arbusti preziosi. Un potenziale in gran parte non sfruttato è offerto dai tetti piani, che diventano paradisi fioriti attraverso il rinverdimento dei tetti.

Attualmente, avete anche l'opportunità di presentare il vostro progetto di offerta di cibo per insetti alla Missione B   della SSR/RSI: l'obiettivo della Missione B è quello di aumentare la superficie con piante autoctone per insetti e animali selvatici.

Attività della Società Ticinese d'Apicoltura (STA)

L'associazione è attivamente impegnata in una serie di attività per promuovere una maggiore biodiversità.

  • Aggiornamento e formazione degli apicoltori.
  • Sostegno agli apicoltori e alla popolazione in generale attraverso servizi come volantini o questo sito web che informa su molti argomenti rilevanti. A partire dalla fine del 2019 sarà inoltre operativo un apiario didattico presso il Centro Professionale del Verde di Mezzana che fungerà da fulcro per tutte le attività didattiche e di divulgazione sull'apicoltura e sulla biodiversità nel nostro territorio.
  • Scambio attivo con molti gruppi di interesse. La STA sostiene anche gli sforzi della Missione B  e offre attività in questo contesto attraverso le sezioni di apicoltori sul territorio ticinese e della Mesolcina.

 

Altri eventi sulla piattaforma insektenretten.ch   (sito solo in tedesco o francese)